PCL - RECAPITO TRATTATIVE

Progetto Insesitate

L’azienda ha scelto di spostare i servizi delle consegne degli oggetti inesitati al domicilio dei destinatari dai centri di Posta, comunicazione e logistica (289 strutture PCL che ricevevano le inesitate provvedendo alla loro consegna sul posto) ampliando il numero degli uffici postali abilitati ad effettuare il servizio, cioè di fatto scaricando tali adempimenti su ulteriori 2.481 uffici postali che si aggiungeranno agli attuali 9.667 uffici che già li effettuano (con relativi impatti sul personale PCL da trasferirvi).

Il tutto, secondo il calendario deciso da Poste italiane, al di là di ogni opinione del sindacato, dovrà avvenire in tre step (non prima del 10 aprile in Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Friuli, Liguria, Valle d’Aosta).

Il secondo step partirà non prima del 10 maggio in Trentino Alto Adige, Abruzzo, Sardegna, Molise, Puglia, Piemonte, Sicilia e Basilicata; mentre il terzo step partirà non prima del 10 giugno in Veneto, Calabria, Lazio, Campania e Lombardia.

Allegati

Lascia un commento